Sirene immaginarie: Mario Magajna e il cinema